Home Comunicati Comunicati 2021 Trimestrale Direzione Regionale Lombardia Sud

Trimestrale Direzione Regionale Lombardia Sud

PRIMO INCONTRO TRIMESTRALE INTESA SANPAOLO DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA SUD

Il 21 Giugno si è svolto in modalità a distanza il primo incontro trimestrale della neonata Direzione Regionale Lombardia Sud, dove è stata fornita un’illustrazione delle strutture che la compongono. Il Direttore Regionale Marco Franco Nava in apertura ha enunciato alcuni concetti quali l’aspetto valoriale, la fiducia, l’attenzione al clima interno e agli obiettivi aziendali, l’ascolto e la vicinanza ai territori.

Tutti concetti per lo più condivisibili che devono però tradursi al più presto in azioni concrete a supporto dei colleghi e della clientela.

Come Organizzazioni Sindacali abbiamo infatti rappresentato i vari problemi che affliggono la rete, a partire dalla cronica carenza di personale, servono nel breve termine assunzioni in rete! Si aggiungono le complicanze legate alla riorganizzazione delle strutture, che la pandemia ha costretto ad intraprendere o anticipare, quali una disordinata crescita della F.O.L., i problemi di gestazione della nuova divisione Agribusiness, l’organizzazione degli uffici di direzione e, nella rete, le onnipresenti pressioni commerciali, peraltro acuitesi nell’ultimo periodo, con una ossessionante attenzione al metodo di lavoro che prevede gestione delle agende e preparazione degli appuntamenti. A tal proposito ricordiamo che il rilascio del “Metodo” in ISP ha comportato non pochi problemi per almeno due anni.

In questo contesto sono emerse con prepotenza nella nostra Regione Lombardia Sud, per quanto “a macchia di leopardo”, le pesanti problematiche originatesi dalla incorporazione di UBI nel territorio e aggravate dalla coincidente pandemia: carenza di formazione e affiancamenti, disfunzioni organizzative sia nella rete come delle strutture direzionali, le preoccupazioni per la futura incorporazione di UBI S.S. e UBI Leasing, le tensioni, con conseguenti risvolti anche a livello psicofisico, tra colleghe/i per un vissuto lavorativo complicato anche dal confronto giornaliero con una clientela inferocita da una situazione di ripetuti disservizi.

A proposito di quest’ultimo aspetto occorre tener conto che UBI derivava dall’aggregazione di banche storiche molto radicate nei nostri territori, e manteneva ancora una cultura di far banca molto diversa da quella di Intesa Sanpaolo; è ovvio che una integrazione nel primo gruppo bancario italiano non sarebbe stata indolore, ma la transizione va gestita con gradualità e attenzione alle esigenze della clientela e del personale, soprattutto nelle zone caratterizzate da massiccia acquisizione di filiali ex UBI come Brescia ed il territorio Pavese dove la cessione a BPER ha riguardato per la quasi totalità punti operativi ISP.

L’azienda ha affermato di essere a perfetta conoscenza della realtà della situazione e ha dichiarato la volontà di sostenere tutto lo sforzo organizzativo possibile e necessario al raggiungimento di un miglior clima interno e di una migliore efficienza operativa. Ha preannunciato pertanto che intende mettere in atto alcune risposte volte ad alleggerire la situazione, tra le quali nuovi gemellaggi tra filiali, formazione più agevole strutturata in pillole formative e tutorials per le procedure, nonché una attenta analisi degli organici delle filiali in previsione di ulteriori inserimenti di colleghi ISP nelle filiali ex UBI.

Cogliendo con favore il riconoscimento da parte aziendale delle attuali difficoltà e la volontà di farvi fronte, le Organizzazioni Sindacali hanno però sottolineato l’urgenza delle risposte e la loro effettiva praticabilità, si deve infatti tener conto della compatibilità dei tempi di formazione, parlando anche di training on the job, con quelli dell’ordinaria attività commerciale e amministrativa.

Nel prossimo incontro trimestrale si parlerà anche di risultati, oggi non comunicati in quanto non ancora certificati, data anche la cessione delle filiali ISP a BPER; è palese che i numeri nella loro qualità e quantità dipenderanno largamente dalla soluzione delle suesposte problematiche, LE PERSONE VANNO ASSOLUTAMENTE MESSE NELLE CONDIZIONI DI LAVORARE BENE E SERENAMENTE! 

24 giugno 2021

COORDINATORI TERRITORIALI RR.SS.AA INTESA SANPAOLO DIREZIONE REGIONALE LOMBARDIA SUD

FABI – FIRST CISL – FISAC CGIL – UIL C.A. – UNISIN

Scarica comunicato in PDF

 

 

Articolo PrecedenteOrario Filiali
Articolo SuccessivoIncontro con l’Azienda del 24 giugno 2021