Home Comunicati Comunicati 2020 Incontro con l’Azienda in call del 13 maggio 2020

Incontro con l’Azienda in call del 13 maggio 2020

1047

OPERATIVITA’ FILIALI DAL 18 MAGGIO

L’Azienda ha dichiarato che anche per la settimana prossima, si continuerà con la stessa organizzazione lavorativa attuale: organico massimo al 75%, mantenimento delle attuali turnazioni, accoglimento della clientela SOLO su appuntamento, nessuna coda in filiale, presenza di un cliente ogni Collega.

Attenzione: se ad esempio i Gestori sono occupati e le Casse libere, un cliente che necessita di un gestore NON può aspettare dentro e VICEVERSA. Un cliente per ogni Collega, rispettando la filiera di produzione.

Come UNISIN, considerato che dal 18 maggio apriranno molte (se non tutte) le attività commerciali e molto probabilmente ci sarà un maggiore afflusso nelle filiali, abbiamo chiesto la presenza di uno STEWARD per la gestione degli accessi. L’Azienda però ha risposto negativamente.

Siamo nettamente CONTRARI a questo diniego perché, di fatto, LASCIA DA SOLI i Colleghi nel gestire i clienti che si presenteranno in filiale senza appuntamento: chi si prende l’onere di non farli entrare?

Chi gestirà le intemperanze di qualche cliente che non accetterà questa situazione?

Invitiamo i Colleghi, come tra l’altro la stessa Azienda ha convenuto, a chiamare le Forze dell’ordine qualora all’esterno della filiale si dovessero creare assembramenti. Ormai le aggressioni alla nostra Categoria sono troppe per restare fermi a guardare!

 TASK FORCE

La nostra Organizzazione Sindacale ha colto l’occasione per denunciare il forte disagio che molti Colleghi hanno provato nell’essere stati dedicati – o forse meglio dire “sbattuti”- dalla sera alla mattina ad una delle tante task force create per far fronte ai DCPM del Governo. I Colleghi di ISP sono abituati a lavorare sodo e non si sono tirati indietro in un momento così duro ma, ancora una volta, l’Azienda non si è dimostrata all’altezza nel cercare le giuste professionalità e nell’individuare un modo più corretto e rispettoso nella comunicazione ai Colleghi coinvolti. Abbiamo ribadito ancora una volta che NESSUNA RESPONSABILITA’ deve ricadere sui Colleghi delle Task Force ai quali chiediamo di PRESERVARE questo comunicato sindacale a futura memoria della nostra denuncia, qualora si venisse coinvolti in seguito in qualche vertenza disciplinare. Ribadiamo, inoltre, di NON essere precipitosi nello svolgere il lavoro richiesto e di metterci TUTTO il tempo che serve per farlo con cura e precisione, senza dar retta a qualche “capo” che ci dice “ma si dai… manda avanti la pratica lo stesso”. NO!

Ecco i dati su alcune Task Force

Anticipazioni Sociali: pratiche arrivate a dipendenti 25.000 (lavorate 17.000 e 9.500 approvate. Restanti da lavorare). Arrivate da Imprese 19.000 (15.000 lavorate, 8.200 approvate, restanti in lavorazione). Erogate nel complesso 7.700.

Liquidità alle Imprese: pratiche arrivate 200.000 di cui inviate in filiale 93.000. 56.000 in lavorazione e 50.000 sono state scartate. NON ci forniscono il dato di quelle concretamente liquidate (non sarà disponibile?..mah!)

La Banca ci evidenzia che il rilascio del Tool sta aiutando molto i Colleghi. INVECE, le segnalazioni che arrivano ad UNISIN (vi chiediamo di continuare a mandarcele) sono che il Tool ancora spesso si blocca e non funzione (e non sarebbe la prima volta che il nostro Istituto ha problemi “informatici”).

GENITORIALITA’

I genitori con figli in età scolare sono disperati. La chiusura delle scuole impone di affrontare questo problema sociale anche in ISP, SUBITO!     Abbiamo chiesto che si possa valutare di attingere alla Banca del Tempo che è stata GENEROSAMENTE alimentata dalle donazioni di molti Colleghi.

Obbligati INGIUSTAMENTE dall’Azienda a “ferie forzate”, i Colleghi hanno deciso di versarle alla Banca del Tempo, nata per sostenere quelli in  difficoltà. Ringraziamo enormemente queste Lavoratrici e Lavoratori che hanno permesso d’incrementare questo istituto solidaristico di un montante che verrà RADDOPPIATO dall’Azienda. Queste ore, complementarmente a quanto previsto dal DCPM di questa notte, potrebbero a nostro avviso essere messe a disposizione anche dei Colleghi genitori in difficoltà.

L’Azienda ha accolto la nostra richiesta e la valuterà nei prossimi giorni.

FONDO ESUBERI PARTE ORDINARIA

Come Colleghi siamo abituati a conoscere il Fondo Esuberi solo per la parte Straordinaria e cioè, quella dedicata alle uscite.  Il Fondo é composto anche dalla parte Ordinaria, che dovrebbe servire a sostenere il reddito di eventuali Colleghi in eccedenza e obbligati dall’Azienda a stare a casa. Come sapete, si é stipulato con ABI un accordo che prevede che, se qualche Banca decidesse di adottare tale strumento, DEBBA garantire lo stipendio integralmente, senza che il Collega ci rimetta NEMMENO un euro. L’Azienda ci ha risposto che sta ancora analizzando la possibilità di adottare o meno tale strumento di “ammortizzazione sociale”.

IMMUNODEPRESSI

L’Azienda continuerà a mantenere a casa in Smart Working o Smart Learning, le persone affette da  patologie incompatibili con l’attuale situazione di rischio Covid-19.

USCITE PER ESODO AL 30 GIUGNO

L’Azienda sta completando l’invio delle mail ai Colleghi interessati. Raccomandiamo tutti quelli coinvolti a contattarci per avere tutto il supporto necessario per affrontare la nuova procedura che, in questo momento,  avverrà con modalità a distanza.

Milano, 14 maggio 2020

La Segreteria UNISIN – Gruppo Intesa Sanpaolo


COMUNICATO IN PDF