Home Comunicati Comunicati 2021 Sosteniamo la vertenza delle lavoratrici e dei lavoratori della GKN!!

Sosteniamo la vertenza delle lavoratrici e dei lavoratori della GKN!!

La vicenda ormai tristemente nota del licenziamento di 422 persone dipendenti dello stabilimento di Campi Bisenzio da parte della GKN, impresa di proprietà del fondo di investimento inglese Melrose, ci chiama a reagire tutti e tutte in ogni forma (dal recarsi presso l’azienda dove i dipendenti sono in presidio permanente al sostenerli economicamente)    ma    soprattutto    a    riflettere    sugli    effetti    della finanziarizzazione dell’economia reale, che, se non regolata e disciplinata da norme cogenti a difesa del lavoro, impoverisce i territori e determina ulteriori disuguaglianze.

Il settore del credito non può aderire, a causa della normativa che disciplina i servizi dichiarati essenziali, allo sciopero generale indetto a livello provinciale per le prime 4 ore di lunedì 19 luglio, ma bancarie e bancari, con tutti i sindacati che li rappresentano, devono appoggiare convintamente quella lotta e queste OO.SS lo faranno partecipando alla manifestazione che si terrà lunedì dalle 9 in Piazza Santa Croce a Firenze per chiedere:

  • il ritiro dei licenziamenti
  • la tutela del tessuto industriale locale e del paese
  • un modello economico e finanziario basato sui diritti, la legalità e il rispetto del lavoro. 

Come sigle sindacali del territorio fiorentino della prima banca del paese, riteniamo fondamentale assicurare tutto il nostro appoggio e avviare una seria e profonda riflessione su un sistema economico globale insostenibile che deve essere ricostruito su fondamenta più eque, solidali, civili, a partire dal credito e dalla finanza, anche cominciando a immaginare una mobilitazione a livello europeo.

Le RSA Intesa Sanpaolo del territorio metropolitano fiorentino

Firenze, 16 luglio 2021

Scarica comunicato in PDF

 

 

Articolo PrecedenteTrimestrale D.C. Torino e Moncalieri. Titling Professional…Uguale per Tutti?
Articolo SuccessivoOltre all’Ascolto Chiediamo i Fatti!