Home Comunicati Unisin Mediocredito Italiano: Informativa su Fusione per Incorporazione in Intesa Sanpaolo

Mediocredito Italiano: Informativa su Fusione per Incorporazione in Intesa Sanpaolo

News Unitarie

Alla presenza di Capogruppo e come da nostra richiesta sulla base del disposto ex art. 6 del Protocollo delle Relazioni industriali del 15/12/2017 le RR.SS.AA. di MCI unitamente a rappresentanti delle Delegazioni di Gruppo hanno incontrato l’Azienda.

All’incontro hanno partecipato il Responsabile della Direzione Sales & Marketing Imprese Dott. Teresio Testa e il Direttore Generale di MCI Dott. Stefano Firpo.

Il Dott. Testa ha illustrato con un maggior dettaglio l’operazione di fusione per incorporazione di Mediocredito Italiano in Intesa Sanpaolo che avrà decorrenza l’11/11 p.v.

L’operazione si realizzerà su tre tronconi:
– Direzione Sales & Marketing Imprese che vedrà coinvolte circa 500 colleghe/i dell’attuale Direzione Commerciale di MCI oltre alla struttura Agevolazioni e Ricerca Applicata;
– Chief Lending Officer (CLO) che vedrà coinvolte circa 200 colleghe/i dell’attuale Direzione Crediti di MCI;
– Direzione Centrale Operations (DCO) che vedrà coinvolte circa 200 colleghe/i dell’attuale Servizio Operations di MCI.

Per quanto concerne il Servizio Risorse le/i colleghe/i saranno ricollocate nelle rispettive strutture di Intesa Sanpaolo.

Nell’ambito della Direzione Sales & Marketing Imprese ci sarà una suddivisione territoriale su quattro macroaree a fronte delle 8 Direzioni Regionali di BdT.

Gli Specialisti d’Impresa si interfacceranno con le filiali imprese nella continuità dell’attuale modello di servizio in MCI, eccezion fatta per la gestione delle PEF, con la suddivisione specialistica tra MLT/Leasing e Factoring.

Gli addetti commerciali MLT/Leasing saranno coinvolti nel processo di ricollocamento all’interno della Direzione Sales & Marketing Imprese mentre in ambito factoring si realizzerà un hub unico che ricomprenderà sia la clientela Corporate che la clientela BdT.

Nell’ambito del mantenimento della continuità operativa del 98% delle colleghe e dei colleghi continueranno ad operare nell’attuale ambito professionale e nelle attuali piazze.

Le O.O.S.S. hanno evidenziato la particolare situazione del Polo di Firenze, che sarà interessato dalla prossima operazione di cessione dei crediti UTP a Prelios, con i conseguenti distacchi di personale.

Capogruppo si è impegnata a farsi carico delle nostre considerazioni.

Le OO.SS. hanno richiesto un maggior dettaglio e chiarimenti su particolarità che saranno illustrate e discusse nelle assemblee che si terranno nelle principali piazze di MCI nelle prossime settimane a partire dal 21/10.

Inoltre le stesse hanno richiesto a Capogruppo di prestare particolare attenzione nella gestione della novazione delle flessibilità orarie su richiesta (45 minuti di flessibilità in ingresso, mezz’ora di pausa pranzo, etc.) e del lavoro flessibile, che decadranno dall’11/11 con il variare del datore di lavoro, oltre alla gestione delle domande dei permessi ex Legge 104 che dovranno essere ripresentate all’INPS dai colleghi per il variare del datore di lavoro e della matricola, che verrà comunicata dal Personale a ridosso della decorrenza della fusione.

Nel 2019 è stato riconosciuto un solo avanzamento di carriera e 92 una tantum di cui solo il 40% hanno riguardato il genere femminile.

Le OO.SS. hanno nuovamente posto l’accento sull’esigenza di una formazione diffusa che permetta la crescita delle professionalità e procederanno nell’ambito dell’accordo di fusione del 24/7 u.s. a richiedere gli incontri di verifica post fusione.

In fine le RR.SS.AA. hanno evidenziato all’azienda il problema della richiesta di compilazione di rapportini da parte di alcuni responsabili per la fruizione di lavoro flessibile assolutamente non previsti nell’ambito delle regole e dall’accordo sindacale sottoscritto in materia.

SCARICA IL COMUNICATO