Home NEWSLETTER NEWSLETTER-ISCRITTI Banca dei Territori: Alcune Aperture, Ma la Ristrutturazione Continua

Banca dei Territori: Alcune Aperture, Ma la Ristrutturazione Continua

News Unitarie

Nel corso dell’incontro odierno dedicato a Banca dei Territori l’Azienda ci ha fornito ulteriori chiarimenti in merito all’evoluzione del modello di servizio della Rete e risposto ad alcune delle questioni da noi sollevate alla ripresa dei lavori dopo la pausa estiva.

Affinamento modello di servizio

L’Azienda ha stimato che le filiali Personal Top dal prossimo gennaio saranno 407 – di cui 65 “a scala” (con almeno 6 gestori) e 342 “distribuite” (con almeno 2 gestori per punto operativo) – raggruppate in 49 aree.

L’Azienda non è ancora in grado di comunicare il numero di gestori privati retail che saranno distribuiti sulle 2.960 filiali raggruppate in 200 aree circa.

Banca estesa

Abbiamo ottenuto una revisione degli orari delle filiali flexi in considerazione delle pesanti riduzioni di organico da noi più volte denunciate.

La nuova rimodulazione dimostra la correttezza delle nostre reiterate richieste rispetto alla oggettiva difficoltà di articolare i turni in fasce orarie che non risultavano comunque appetibili alla clientela.

L’Azienda ha prospettato due linee di intervento:
– circa 380 punti operativi in cui, ferma l’apertura al sabato (dalle 9 alle 13.30), avranno orario continuato con apertura al pubblico dalle 8.05-17.00;
– circa 60 punti operativi con caratteristiche specifiche che, ferma l’apertura al sabato (dalle 9 alle 13,30), avranno orario continuato con apertura al pubblico dalle 8.05 alle 19.00.

Complessivamente questo intervento, che sarà avviato nel gennaio 2020, consentirà a molti colleghi di anticipare l’orario di uscita rispetto all’attuale e di fatto di eliminare la turnazione non più sostenibile.

Formazione flessibile

L’Azienda finalmente ha mostrato delle aperture rispetto alla nostra richiesta di favorire la fruizione della formazione in modalità flessibile, dando la sua disponibilità a riconoscere il diritto a due giorni di formazione da casa o da hub, da pianificare di norma uno a semestre con l’unico vincolo che la filiale rimanga aperta con operatività piena. Abbiamo reiterato anche la nostra richiesta di rendere possibile la fruizione durante le giornate di chiusura programmata delle filiali.

Filiale on Line

L’Azienda ha finalmente comunicato la messa a punto di una procedura automatizzata di cambio turno già operativa dall’inizio di questo mese. Detta procedura consente a chi ha necessità di inserire la propria richiesta di veicolarla ai colleghi di pari skill che hanno il turno libero nello stesso giorno.

Continuerà la gestione “manuale” dei cambi turno fra gestori con skill diversi.

Abbiamo altresì richiesto che non siano fatte forzature per convincere gli attuali gestori Fol a ricoprire il ruolo di gestore remoto.

Prelios

L’Azienda ci ha comunicato che a partire dall’ultima settimana di novembre avranno decorrenza i distacchi dei colleghi con specifiche competenze che seguiranno gli Utp dati in gestione a Prelios. I colloqui degli interessati si svolgeranno nelle prossime settimane e coinvolgeranno un bacino complessivo di circa 175 persone (154 di provenienza Banca dei Territori, 18 Mediocredito e 3 area CLO) fra i quali saranno individuati i 120 FTE da distaccare. Le piazze coinvolte saranno sei, scelte da Prelios fra le seguenti otto: Firenze (50 persone colloquiate), Milano (12), Napoli (22), Padova (32), Roma (22), Sesto S. Giovanni (10), Bologna (16), Pesaro (11). Il distacco, che sarà di 12 mesi, rinnovabile per massimo ulteriori 12, avverrà sulla attuale piazza di lavoro. L’Azienda ha comunicato che, per chi è oggi destinatario del sistema incentivante NPL, che tutti i mesi del 2019 saranno considerati utili ai fini dell’erogazione del il premio spettante anche in presenza di distacco.

Pur registrando alcune aperture nel corso dell’incontro è apparso di tutta evidenza come l’Azienda continui nel processo di ristrutturazione e contenimento dei costi.

Ribadiamo la nostra contrarietà in particolare a uscite di attività dal perimetro del Gruppo e al processo di desertificazione dei territori con massicce chiusure di filiali.

Il confronto proseguirà domani su PVR e SET 2019 e le altre nostre richieste a oggi in sospeso.

SCARICA IL COMUNICATO