Home NEWSLETTER NEWSLETTER-ISCRITTI Trimestrale del 05-11-2018 – Area Lombardia Ovest

Trimestrale del 05-11-2018 – Area Lombardia Ovest

CONDIVIDI

In data 5 novembre 2018 si è svolto il terzo incontro annuale tra le OO.SS. e le seguenti funzioni Aziendali della Regione e dell’Area Lombardia Ovest.

Erano presenti:
– Per il Personale: Lorena Mantica, Responsabile Regionale del Personale Alberto Barroero, Coordinatore Area Lombardia Ovest
– Per le Relazioni Sindacali: Stefano Tura
– Per le Funzioni commerciali: Cristina Basei
– Per il Servizio Tecnico: Stefano Arpino

Prima di affrontare i temi all’ordine del giorno, abbiamo ritenuto doveroso immediatamente stigmatizzare fatti recentemente accaduti.

Abbiamo messo al corrente l’Azienda del pesante clima che è riemerso nella filiale personal di Como Via Rubini.

Ci sono infatti pervenute diverse segnalazioni di comportamenti offensivi e irriguardosi da parte dei responsabili, che hanno pesantemente mortificato la professionalità dei colleghi e delle colleghe.

Si è inoltre verificato un gravissimo episodio in occasione dell’assemblea sindacale svoltasi nel pomeriggio dello scorso 30 ottobre: le lavoratrici ed i lavoratori sono stati ripresi per aver partecipato all’iniziativa ed è stato loro richiesto di dichiarare a quale organizzazione sindacale appartengano.

Le funzioni aziendali hanno promesso una pronta verifica dei fatti denunciati, che appaiono di evidente natura antisindacale, riservandosi una risposta in brevissimo tempo.

Gli episodi appena citati richiamano con evidenza il ricorrente tema delle pressioni commerciali. Quanto accaduto è anche frutto di una gestione sempre più distorta da parte dell’Azienda, che predica una ‘teorica’ centralità delle risorse umane e non si accorge, o quantomeno sottovaluta, le conseguenze che possono avere determinati comportamenti.

Riscontriamo che la tensione negli uffici aumenta, seguendo paradossalmente in modo inversamente proporzionale l’andamento negativo dei mercati, mentre sarebbe doveroso sostenere e incoraggiare le colleghe e i colleghi in questa delicata fase.

E’ evidente quanto sia preponderante il peso delle pressioni commerciali, a tutti i livelli, e che l’azienda non si adoperi sufficientemente per abbassarne il tenore.

PERFORMANCE
La sig.ra Basei ha fornito alcuni dati commerciali aggiornati a settembre 2018, evidenziando come vi sia stata una diminuzione dei ricavi del 1,5 % rispetto al medesimo periodo del 2017 e una proiezione del budget a fine 2018 del 93,60 %. I settori meno performanti risultano il segmento Personal e le Imprese, mentre il Retail, grazie alla diversificazione dei prodotti collocati, ha avuto un andamento meno penalizzante. Ciò è anche riconducibile all’attuale situazione di incertezza dei mercati.

A supporto dei gestori Personal, l’Azienda organizza degli incontri mirati con specialisti Eurizon, con l’obiettivo di incontrare tutta la clientela per mantenere la relazione e creare nuove opportunità di business anche nel comparto assicurativo.

POLI ESTERO
Abbiamo affrontato nuovamente la situazione molto delicata relativa all’ operatività estero che attualmente grava sul perimetro Imprese. La mancata lungimiranza dell’Azienda circa l’evidente turn-over che andava da tempo programmato, ha di fatto determinato un’emergenza che subiamo giornalmente, aggravata dagli esodi in corso.

La sig.ra Mantica ha comunicato la costituzione in Regione Lombardia di 6/8 Poli estero, ricalcando il progetto pilota già in essere a Verbania e Milano, con presidio delle attività commerciali in capo ad uno ‘specialista sviluppo estero’, presente in ogni Filiale Imprese.

Ad oggi non si hanno indicazioni su luoghi, date e risorse coinvolte nel progetto, nonostante l’imminente realizzazione.

I nuovi colleghi che saranno adibiti ai Poli Estero verranno formati tramite un mix di corsi in aula e corsi on-line, seguendo un percorso formativo della durata di 2 anni.

Esprimiamo molte perplessità, in quanto la sperimentazione dei poli in altri territori non è apparsa in grado di sopperire alle esigenze concrete della clientela, soprattutto in termini di rapidità di esecuzione, mettendo a rischio gli importanti ritorni economici. Inoltre, osserviamo con preoccupazione che il numero dei colleghi impiegati nei poli è molto inferiore rispetto al numero di persone precedentemente dedicato agli uffici Estero e le prossime uscite per esodo ridurranno ulteriormente le risorse.

RIPORTAFOGLIAZIONE FILIALI IMPRESE
La Responsabile del Personale della Regione Lombardia ha introdotto il tema dell’imminente riportafogliazione che impatterà sulle Filiali Imprese e Retail. Verranno trasferite circa 70.000 posizioni dalle Filiali Imprese alle Filiali Retail, mentre circa 20.000 con caratteristiche di small business andranno alle Filiali Imprese.

Ad oggi non sono stati comunicati i numeri relativi sia ai portafogli che ai colleghi coinvolti in una migrazione che si concluderà entro la fine di gennaio!!!

Constatiamo che siamo di fronte ad un percorso inverso rispetto a quanto avvenuto solamente pochi anni fa: una scelta che l’Azienda avrà sicuramente ponderato, ma che evidenzia una programmazione dell’organizzazione del lavoro sempre più a breve termine, per la quale i lavoratori si sentono in balia degli eventi, con conseguente disorientamento della clientela a seguito dell’ennesimo cambio dell’interlocutore.

L’Azienda ha inoltre dichiarato che presterà particolare attenzione ai percorsi professionali in essere per i colleghi coinvolti.

PART TIME
I numeri segnalati dall’Azienda in merito ai part-time sono: 23 concessi, 1 in corso di rilascio e 16 domande in sospeso. La percentuale dell’Area si attesta al 26,27% mentre 20 sono i rientri a full-time.

L’azienda ha evidenziato come le percentuali siano al di sopra di quando previsto dal CCNL, ma in realtà il dato è meno positivo di quanto sembri. Infatti un terzo dei part-time concessi è a tempo indeterminato e, pertanto, tale dato rimane immutato ad ogni rilevazione. Potrebbe calare a fronte di esodi ma l’incidenza è bassa. E del rimanente 18 % circa una grande fetta prevede un orario dalle 30 alle 32 ore e mezzo, pertanto molto vicino ad un orario da full time.

FORMAZIONE
Abbiamo ribadito la difficoltà a svolgere l’attività formativa sui posti di lavoro, indispensabile e centrale soprattutto in questa fase di grandi riorganizzazioni e cambiamenti. Anche in presenza di una programmazione, sovente viene richiesto lo spostamento per le priorità commerciali di carattere oramai quotidiano.

L’azienda ha fornito il dato relativo al numero di ore usufruite a casa, pari a 1550 ore. Ha posto particolare accento su questo risultato che ha registrato un incremento sensibile rispetto allo stesso periodo dell’anno scorso.

Le cifre, ripartite per la popolazione della nostra area, danno una media inferiore a un’ora di formazione a distanza pro capite: sono evidentemente ancora troppo esigue, seppure alcuni direttori si prodighino per dare la possibilità di usufruire della formazione da casa in orario di lavoro. Ricordando ai colleghi questa utile opportunità, auspichiamo che a breve sia possibile pianificare anche i piani formativi individuali, esattamente come viene pianificata la fruizione delle giornate di ferie.

TRASFERIMENTI
Le domande di trasferimento accolte in Regione Lombardia sono state 66 e anche in questo caso l’Azienda ha tenuto a rimarcare il risultato, come se si trattasse di una cifra elevata rispetto ai periodi precedenti. A nostro parere è comunque un risultato assolutamente insoddisfacente, alla luce del dato del rapporto tra i trasferimenti richiesti e quelli disposti dall’Azienda, che si attesta sotto il 3% complessivo in Area Lombardia Ovest.

VARIE
– Al 31/12/2018 i colleghi esodanti della nostra Area sono 25, che si aggiungono ai 104 già cessati;
– A breve verrà introdotta la nuova figura del COORDINATORE DI RELAZIONE. La persona preposta dovrà coordinare e presidiare l’accoglienza e le casse delle Filiali Retail ad alto afflusso di clientela. A questo nuovo ruolo verranno applicate le medesime previsioni contrattuali del Coordinatore commerciale;
– Gestore Enti: nuova figura costituita a seguito dello spostamento della Clientela Enti nelle Filiali Imprese (in Regione Lombardia su Pavia, Como e Bergamo). Sono previsti potenziamenti di organico.

Per quanto riguarda la Sicurezza, sono stati installate fasce metalliche (Security Musk) in prossimità dei Bancomat per evitare la possibilità di introdurre materiale esplosivo. E’ possibile, su richiesta da parte del direttore, richiederne la rimozione per un solo ATM in caso di presenza di più bancomat, per permettere l’acceso agevolato ai portatori di handicap. Verrà comunque valutata l’effettiva fattibilità caso per caso.

A seguito del completamento dell’accensione degli impianti di riscaldamento, è possibile richiedere la regolazione tramite apertura di apposito ticket.

SCARICA IL COMUNICATO