Man reading news on smartphone screen with coffee.

Lunedì 2 luglio 2018 sì è svolto l’incontro trimestrale dell’Area Napoli e Provincia.

Per l’Azienda erano presenti Reda e Capogreco (Relazioni Industriali), Mancini e Zampognaro (Ufficio del Personale) e Spada (Sicurezza).

In via preliminare sono stati chiesti all’Azienda chiarimenti sul bando, da quest’ultima indetto, che prevede la selezione di candidati con laurea conseguita solo in alcune università del nord, a Milano nelle giornate del 20-21 luglio p.v.

Le OO.SS hanno stigmatizzato che detta modalità, oltre che palesemente discriminatoria, si pone in netto contrasto con gli accordi presi in tema di occupazione che prevedevano una particolare attenzione al Mezzogiorno.

Reda ha riferito che si tratta solo della seconda data dell’iniziativa MAKE IL REAL, che sarà poi attuata per i laureati della altre zone d’Italia e quindi anche del Mezzogiorno. L’iniziativa consiste, per chi viene selezionato, in uno stage di 6 mesi c/o le Filiali del Gruppo e relativa formazione volta al superamento dell’esame per consulente finanziario.
DOPO IL NS INTERVENTO L’INFORMATIVA E’ STATA INTEGRATA CON LA COMUNICAZIONE INERENTE LE PROSSIME DATE CHE SI SVOLGERANNO A NAPOLI (27 e 28 Settembre come apparso sul link dedicato “Lavora con noi” di Intesa San Paolo).

La MANCINI, IN ASSENZA DEI DIRETTORI COMMERCIALI (CONVOCATI DA BARRESE) ci ha relazionato circa l’andamento dei “Territori” Retail e Imprese della Direzione Regionale evidenziando una crescita rispetto allo scorso anno, anche se non in linea con il budget, con un buon andamento dei prestiti personali da un lato, ma con una flessione sui mutui dall’altro.

Come OOSS, abbiamo sottolineato che i dati in crescita, in una situazione di mercato non favorevole, sono da ascriversi esclusivamente all’impegno dei colleghi che operano in una situazione di forte stress, dovuta ad una carenza strutturale di organici, più volte denunciata, e alle indebite pressioni commerciali, che rende necessario maggiori investimenti sul personale sia attraverso assunzioni sia attraverso una valorizzazione dell’aspetto motivazionale, fondamentale per l’azienda, che viene meno di fronte alle valutazioni performer che fanno riscontrare un livellamento verso il basso e che creano malcontento.

Riteniamo, quindi, necessario nel breve un adeguato piano di assunzioni per sanare una situazione che ha ormai raggiunto livelli non più sostenibili, tenuto conto delle prossime uscite programmate per le adesioni all’esodo.

Abbiamo denunciato, inoltre, che persistono casi di pressioni commerciali indebite che sono inaccettabili da un punto di vista professionale e personale ribadendo, tra l’altro, la necessità di abolire e vietare qualsiasi tipo di reportistica non prevista dagli accordi sindacali in essere.
Abbiamo inoltre evidenziato:

  • Le problematiche operative dei nuovi “gestori ibridi”, con particolare riferimento all’offerta fuori sede;
  • La necessità di prestare la massima attenzione agli “specialisti di tutela” relativamente alla mobilità;
  • L’urgenza di trovare una soluzione per affrontare le difficoltà dei colleghi pendolari delle Isole (Ischia, Capri, Procida), costretti a lunghe permanenze.

Al riguardo, inoltre, abbiamo anche richiesto la revisione degli orari per le filiali FLEXI considerando le difficoltà ad attuare una corretta turnazione.

Rispetto alle complessità di filiali e di portafoglio, si registrano per le prime un aumento della complessità pari al 13% e una diminuzione pari al 3%, per i secondi un aumento della complessità pari al 25% e una diminuzione pari al 7,5%. A tal proposito abbiamo ribadito la necessità di maggiore chiarezza e trasparenza nei calcoli dei pesi e delle complessità di portafogli e filiali, che non può dirsi esaurita con l’implementazione in Intesap del punteggio dei portafogli.

In tema di pendolarismo abbiamo rimarcato la necessità di tenere conto delle peculiarità del territorio, riconoscendo deroghe per le zone disagiate (zone ad elevato tasso di criminalità da aggirare con percorsi alternativi, collegamenti con isole, estensione utilizzi auto aziendali per Referenti polizze tutela, ecc.).

In merito alla Formazione, ribadendone la centralità, abbiamo richiesto che per temi di particolare rilevanza operativa per la stessa venga considerata l’opportunità di svolgimento in aula mentre per quella fruibile da casa, che va fatta in orario di lavoro, a rimuovere gli ostacoli che ne impediscono una corretta programmazione.

A proposito di salubrità degli ambienti è stato poi evidenziato in modo fermo, che mai come quest’anno, il problema dei climatizzatori ha assunto proporzioni enormi creando disagio e aggravando lo stress da lavoro. Ciò è da ricollegare alla circostanza che sono stati chiusi gli impianti di climatizzazione al termine del periodo invernale, senza contestualmente aver predisposto l’accensione per il periodo estivo.

In tema di FOL abbiamo evidenziato che persistono problemi procedurali in termini di cambio turnazione analiticamente rappresentati e per i quali Reda si è riservato di approfondire per rinvenire le giuste soluzioni e rispondere in merito.

E’ intervenuto, infine, Spada per illustrare i dati sulla Sicurezza. Si registra solo una tentata rapina nella filiale di Mugnano di Napoli dove si sono riscontrati anche episodi di aggressione. Tali eventi hanno spinto le organizzazioni sindacali a chiedere ed ottenere il ripristino immediato del servizio di assistenza all’ingresso. Sono invece in crescita i furti alle apparecchiature ATM.

Ci è stato comunicato che nei prossimi mesi verrà dismessa la vigilanza nelle filiali di Napoli ag. 30, ag. 82, ag. 46, ag. 58 e per le filiali di Cimitile, Scisciano e San Gennaro Vesuviano.

Sulla Sicurezza è stato denunciato il rischio per le Filiali 100% commerciali legato al caricamento delle TARM, rischio che esiste anche per le altre Filiali dove lo svuotamento avviene per forza di cose in presenza della clientela.

Rispetto alle problematiche esposte, attendiamo veloci risposte chiare e concrete; in caso contrario, saremo costretti a valutare l’inizio di un percorso vertenziale.

Napoli, 23/07/2018

I COORDINATORI TERRITORIALI AREA NAPOLI E PROVINCIA
FABI – FIRST/CISL – FISAC/CGIL – UILCA – UNISIN

SCARICA COMUNICATO