Home Comunicati Comunicati 2013 Dai nostri Coordinatori lombardi: gli altri sindacati decidano da che parte stare

Dai nostri Coordinatori lombardi: gli altri sindacati decidano da che parte stare

21

 

NUOVI ORARI DI LAVORO ESTESI. GLI “ALTRI” SINDACATI DECIDANO DA CHE PARTE STARE … e smettano di confondere i Colleghi

Mentre i pesanti effetti dell’introduzione dei nuovi orari estesi nelle prime filiali pilota stanno facendo sentire alle Colleghe ed ai Colleghi tutto il loro peso, aggravato a volte inutilmente da un’incomprensibile rigidità aziendale, registriamo con sincero fastidio un fiorire di iniziative da parte delle altre sigle sindacali che – se non inutili – sono quanto meno tardive ed incoerenti.

Non può essere infatti dimenticato e passato sotto silenzio che proprio queste sigle sindacali che ora protestano a gran voce (e magari sono anche sincere, trattandosi di iniziative periferiche promosse dalla loro base), manifestano con le bandiere, tengono assemblee e lanciano minacce, sono le medesime che soltanto qualche giorno fa hanno firmato un accordo che dà all’Azienda la più ampia discrezionalità sull’argomento, riducendo nel contempo il loro primario dovere di tutela dei Colleghi ad una semplice e generica raccomandazione all’Azienda, del tipo …. “ però … non fategli troppo male”.

Ecco perché siamo sinceramente indignati: i Colleghi non si meritano tutto questo!

Quanto di più e meglio si sarebbe potuto fare in fase di trattativa!

ORA E’ TROPPO TARDI GRIDARE “AL FUOCO AL FUOCO”!!

Tutto questo tardivo fervore di attività ha il sapore di un inutile “ripensamento” o – ancora peggio – di una fastidiosa “operazione di cosmesi” per rendersi ancora accetti ai Colleghi che scoprono quanto male sono stati tutelati.

Se fosse diverso, diversamente si sarebbe operato quando tutto ancora era possibile!

Milano, 22 gennaio 2013

I COORDINATORI DELLA LOMBARDIA