Home Comunicati Comunicati 2014 SIGLATO L’ACCORDO PER I COLLEGHI DI INTESA SANPAOLO PREVIDENZA

SIGLATO L’ACCORDO PER I COLLEGHI DI INTESA SANPAOLO PREVIDENZA

43

Il 15 ottobre scorso è stato siglato l’accordo a tutela delle posizioni lavorative dei Colleghi coinvolti nelle operazioni di riassetto societario del comparto previdenziale.
Dal 1° dicembre 2014, a seguito degli accordi siglati, 7 Colleghi di Intesa Sanpaolo Previdenza passeranno ad Intesa Sanpaolo, con il mantenimento di tutte le normative e trattamenti complessivi in essere.
Sempre dal 1° dicembre 2014, 17 Colleghi di Intesa Sanpaolo Previdenza passeranno invece – senza soluzioni di continuità – alle dipendenze di Intesa Sanpaolo Vita che applica il Contratto Collettivo Nazionale Assicurativo.
Per questi Colleghi è stato pattuito:

  • l’inserimento nelle tabelle stipendiali vigenti al 1° dicembre 2014 nel settore assicurativo (CCNL 7.3.2012) in base alle mansioni svolte ed agli scatti di anzianità maturati, con la precisazione che la maturazione del prossimo scatto di anzianità non risulterà comunque posticipata per effetto del conferimento, mentre la maturazione dei successivi scatti seguirà la cadenza prevista dal CCNL Assicurativo;
  • l’erogazione di un apposito assegno “ad personam”, rivalutabile, parametrato su 14 mensilità ed assorbibile in caso di attribuzione di inquadramento superiore, utile a garantire la copertura dell’eventuale differenza retributiva riscontrata tra la nuova retribuzione e la precedente (costituita dalle voci stipendio, scatti di anzianità, assegno ex ristrutturazione tabellare, assegno ex Intesa 11.7.1999, assegno ex CCNL 8.12.2007, assegno ex CCNL 19.1.2012, indennità tram), in tale erogazione verranno inseriti anche gli importi di eventuali assegni già in essere;
  • il mantenimento dell’iscrizione al Fapa alle stesse condizioni di contribuzione in essere (sia da parte del Lavoratore che da parte dell’Azienda). Per rendere possibile questa previsione il Fapa di Gruppo provvederà a modificare il proprio statuto comprendendo nel perimetro di riferimento non solo il comparto bancario ma anche quello assicurativo. L’operazione di modifica statutaria è soggetta all’approvazione della COVIP;
  • il mantenimento – per i finanziamenti in atto per mutui e/o prestiti già erogati o deliberati alla data del 1° dicembre 2014 – delle condizioni in essere;
  • Il mantenimento dei contratti part-time già in essere alla data del 1° dicembre 2014, alle stesse condizioni pattuite.

Non è stato invece possibile mantenere l’iscrizione al Fondo Sanitario Integrativo di Gruppo. La copertura sanitaria integrativa sarà garantita quindi dagli strumenti in essere presso Intesa Sanpaolo Vita Spa. Nello specifico, da una polizza sanitaria senza alcun onere a carico dei Colleghi, che non potranno – per contro – estenderla ai familiari fiscalmente non a carico.
Va precisato che i Colleghi che beneficiavano dell’eventuale “ristoro” previsto dall’accordo 2.10.2010 istitutivo del Fondo Sanitario perderanno tale provvidenza.
Consci delle difficoltà che il passaggio ad altro contratto collettivo di lavoro comporta, riteniamo che l’accordo raggiunto – in un difficile contesto storico e di settore – tuteli comunque, nel suo complesso, i livelli retributivi ed occupazionali delle Lavoratrici e Lavoratori coinvolti.

ASSUNZIONI
Abbiamo accolto con soddisfazione la notizia che l’Azienda provvederà all’assunzione di 95 giovani ex-tempo determinato, che hanno già prestato servizio in Aziende del Gruppo per almeno 9 mesi nel periodo 1/10/2010 – 31/3/2014, in possesso dei seguenti requisiti: età max. 32 anni, laurea in economia e similari, matematica, statistica, ingegneria gestionale e giurisprudenza.

INDENNITA’ DI DIREZIONE
Con il cedolino del corrente mese di ottobre, verranno regolati gli adeguamenti relativi alle indennità di Direzione, in conseguenza del ricalcolo delle presenze medie dei Colleghi nelle filiali nel periodo di riferimento 2013 – 2014 comprensive anche degli eventuali accorpamenti.
In seguito a tale ricalcolo, 503 Direttori beneficeranno di un accredito, mentre 52 Direttori troveranno un arrotondamento negativo.

Milano, 17 ottobre 2014

LA DELEGAZIONE TRATTANTE UNISIN

 

Scarica: