Home Comunicati Comunicati 2013 Il 16 di gennaio ha avuto luogo l’incontro di Semestrale dell’Area Torino...

Il 16 di gennaio ha avuto luogo l’incontro di Semestrale dell’Area Torino e Provincia

 

L’azienda come da protocollo, ha illustrato nel dettaglio numerosi dati tra cui gli organici presenti, la quantità di ferie o ex festività di cui tutti abbiamo usufruito entro lanno scorso, la quantità di straordinario risparmiato da ottobre. Le slides complessive saranno disponibili dietro semplice richiesta via mail al nostro sindacato : reputiamo in questa fase più interessante riportare osservazioni, considerazioni e il pensiero dei responsabili aziendali rispetto alla nuova organizzazione lavorativa.

 

 

Come noto, da lunedì 14 gennaio la filiale 8 alla Crocetta e la filiale 24 in corso Turati hanno iniziato a lavorare col nuovo orario dalle 8 alle 20 e il sabato apriranno, rispettivamente dalle 8 alle 14 e dalle 9 alle 13. Dopo questi primi giorni di lavoro già si evince che il radicale cambio di organizzazione lavorativa prevede un grande sforzo di flessibilità , modifica di mentalità oltre che di abitudini personali da parte di tutti i colleghi coinvolti. Le ore di lavoro non aumentano ma la coincidenza tra orario di apertura degli sportelli al pubblico e l’orario di lavoro presuppone la capacità di offrire i servizi ai clienti in maniera diversa dal passato nel rispetto delle loro e delle nostre esigenze e tutele di sicurezza.

I direttori, i responsabili e i coordinatori commerciali dovranno controllare con flessibilità l’afflusso dei clienti in prossimità delle chiusure della filiale e delle casse pomeridiane. I colleghi dovranno “imparare” ad avere un diverso rapporto col cliente da gestire prevalentemente con appuntamenti, svolgendo ogni operazione nel rispetto della normativa – anche se ciò comporta un allungamento dei tempi di intrattenimento – e sigillando ogni intervento effettuato con una relazione dettagliata su ABC.

L’Azienda nel dichiararci la propria disponibilità a valutare problematiche ed esigenze personali nell’organizzazione lavorativa, ci ha informati sul coinvolgimento di tutti i colleghi per la copertura dei turni e dei lavori esistenti. Inoltre ha precisato che tutti i colleghi dell’Area devono sentirsi coinvolti da questi cambiamenti per cui ad ad esempio per sopperire alla svariate necessità o problematiche organizzative che si creeranno, potranno verificarsi trasferimenti, anche temporanei, dalle filiali in attesa della modifica d’orario alle filiali flexi. L’Area ritiene che le filiali siano già strutturate col numero adeguato di colleghi per affrontare i turni ed i trasferimenti riguardano soprattutto larrivo dei responsabili commerciali o i part time.

Dagli Enti Centrali non è attualmente previsto alcun arrivo di nuovi Colleghi se non in modo sporadico e anche da ISGS fintanto che le riorganizzazioni annunciate ad esempio nei Poli di Back Office non saranno definite, è impossibile stimare le eventuali risorse da destinare alla Banca dei Territori.

Contestualmente è diventata operativa l’offerta del lavoro ”fuori sede” per 4 colleghi, ex direttori, che già dotati del personal computer stanno operando a casa dei clienti. A breve altri 40 colleghi che hanno già superato l’esame otterranno l’abilitazione e la strumentazione per raggiungere negli uffici e nelle case i clienti e ulteriori 40 risorse (a cui ne seguiranno altre ancora) hanno iniziato gli studi .

Dietro nostra domanda ci è stato risposto che è già stata segnalata ai Direttori l’esigenza di far programmare le eventuali ex festività del 2012 entro la fine di marzo e giorni di ferie entro la fine di maggio. Sarà richiesta la programmazione di tutte le ferie entro la fine dell’anno e nonostante la loro tranquillità nell’esplicitare tale necessità ci rimane la curiosità di capire come ciò sarà compatibile con la programmazione dei diversi turni. Ora si parte con l’obbligatorietà di fare mensilmente un turno, ma in seguito quale sarà la miglior programmazione possibile di ferie e turni nel rispetto delle esigenze di tutti i colleghi coinvolti nella nuova organizzazione?

E’ stata sottolineata la volontà di applicare ogni punto esistente nella normativa per ottenere risparmi e se possiamo anche noi riconoscere l’esigenza di mantenere i posti di lavoro esistenti e la necessità di adeguare l’offerta commerciale alle nuove richieste del mercato, siamo perplessi circa lorganizzazione lavorativa posta in essere per soddisfare tali obiettivi.

Una considerazione su tante: dopo aver lungamente indirizzato i clienti verso l’utilizzo massiccio degli MTA, carte prepagate, chiavette per effettuare molteplici operazioni on line liberando risorse dalle casse, qual è il senso commerciale della loro apertura fino alla chiusura serale della filiale?

In questa fase di estremo cambiamento, ribadiamo che oltre all’osservanza della normativa ognuno deve “pretendere” il rispetto dei propri diritti consapevole che a loro difesa c’è UNISIN FALCRI SILCEA, Sindacato con la forza delle proprie idee e dei propri iscritti.

I nostri delegati sindacali sono a disposizione per informazioni, assistenza e per intervenire in modo efficace e determinato a favore di ogni caso che ci segnalerete.

I COORDINATORI di AREA UNITA’ SINDACALE FALCRI – SILCEA

Torino, 17 gennaio 2013